Il fiuto: cani “da cadavere”, VOCs e convergenza cross-modale, intervista a Marcello Rendine

Dott. Marcello Rendine, responsabile dell’Unità di Cinotecnica Forense della Sezione Dipartimentale di Medicina Legale dell’Università degli studi di Foggia, conduce da anni importanti Progetti di Ricerca Scientifica volti a studiare l’olfatto del cane e le potenzialità da impiegare come ausiliario sulla scena del crimine. Ma in cosa consiste il suo lavoro? E in quali casi ha collaborato? Continua a leggere

Studio, sacrifici e lavoro… in altre parole: allevare cani. Parola di Marina D’Errico, allevatrice di razza!

foto Labrador Retriever

L’allevatrice Marina D’Errico insieme ai suoi Labrador Retriever

Più volte abbiamo scritto dell’importanza di rivolgersi ad un allevatore professionale nel caso vogliamo prendere un cane di razza. Crediamo moltissimo in questo principio perchè abbiamo a cuore divulgare una sana cultura cinofila e un miglioramento di tutto il mondo della cinofilia. Pubblichiamo con piacere questa intervista a Marina D’Errico, allevatrice presso l’ allevamento Gentlestep Labrador e educatore cinofilo. In questo articolo emerge chiaramente il senso di responsabilità con il quale un allevatore serio seleziona e alleva la razza. Ognuno di noi, tramite le proprie scelte, può essere la soluzione o la causa di un problema. Rivolgersi a cagnari senza scrupoli, a negozianti che vendono cuccioli sprovvisti di pedigree provenienti dai vari canifici, acquistare cuccioli tramite generici portali internet di compra-vendita o dal vicino che fa accoppiare individui a caso, solo per soddisfare un nostro capriccio di possedere un cane di razza e pagarlo poco, non è certo la soluzione per fare il bene dei cani di razza e della cinofilia. Continua a leggere

Capobranco & dominanza, perchè non hanno senso

COME NASCE LA LEGGENDA

Tra gli anni ’30 e ’40 Rudolf Schenkel, esperto di comportamento animale, realizzò una serie di studi ed osservazioni del comportamento sociale dei lupi, presso lo zoo di Basilea. Le sue osservazioni furono pubblicate nel 1947, nell’ articolo << Expressions Studies on Wolves >>, dove Schenkel descrisse comportamenti violenti tra i membri di alto rango (maschio e femmina Alfa) e i membri di basso rango del branco, in ragione di una struttura sociale molto rigida e gerarchica. Tali conclusioni furono riprese, tra gli altri, anche da David L. Mech, tra i massimi esperti mondiali di lupi, che nel libro << The wolf: the ecology and behavior of an endangered species >> pubblicato nel 1970, ribadì che il branco si fonda su concetti chiave come dominanza e competizione. Il libro di Mech fu il frutto di studi e osservazioni che il biologo condusse negli anni ‘60 presso il Michigan’s Isle Royale National Park. Cosa c’entrano i  cani? Semplice, si pensò che da diretti discendenti dei lupi anche loro hanno una logica da branco molto rigida, pertanto la migliore gestione possibile è imporsi in maniera autoritaria, e perchè no, anche violenta se occorre. Devono capire chi comanda!

MA PIU’ SEMPLICEMENTE… IL FATTO NON SUSSITE Continua a leggere

Non vuole uscire e Paura in passeggiata

Ciao, mi chiamo Claudia e sono la neo-“mamma” umana di un cucciolo di jack russell di quattro mesi. Il cagnolino e’ con noi solo da pochi giorni, però abbiamo già un problema: non vuole uscire di casa. Probabilmente è’ spaventato dal rumore delle automobili ma se il suo problema e’ questo non so proprio cosa fare per risolverlo….potreste darmi qualche consiglio? Grazie mille per l’aiuto da Claudia e Marley Continua a leggere

EduCanis diploma i primi “Cuccioli 10 e lode” della Campania. Intervista al Responsabile Nazionale PCR, Eugenio Bove

 

cucciolo 10 e lode, pcr, lagotto romagnolo labrador retriever, vincenzo de padua, ornella sonatore

Margot e Otto, primi “Cuccioli 10 e Lode” della Campania

 

Finalmente anche la Campania ha i suoi  “Cuccioli 10 e Lode” , certificati presso il Centro cinofilo  EduCanis di Benevento. Grande soddisfazione dei proprietari e degli istruttori cinofili: “Siamo orgogliosi di questi cuccioli e dei loro proprietari, questa certificazione è un giusto riconoscimento della professionalità, della continua formazione e della comprensione da parte dei proprietari del concetto di relazione col proprio cucciolo. Ovviamente sono i primi ma non saranno gli ultimi, è importante parlare anche delle notizie positive che arrivano dal nostro Sud in materia di cinofilia”, afferma l’istruttore cinofilo Ornella Sonatore. Di cosa sia questa certificazione e della sua importanza, ne parla il Responsabile Nazionale del progetto PCR-CSEN , Eugenio Bove:euggiuenio Continua a leggere